Accedi

Alti livelli pressori

QUALI SONO I CRITERI PER LA DIAGNOSI DI IPERTENSIONE IN ETA’ PEDIATRICA?

Le linee guida americane ed europee sono concordi sia sulla definizione di normalità che sugli alti livelli pressori (HBP) codificati come pre-ipertensione ed ipertensione (1, 2) secondo i seguenti criteri: 

  1. Sono considerati normali i valori di pressione sistolica (PAS) e diastolica (PAD) <90° percentile per età, sesso, altezza.
  2. La diagnosi di pre-ipertensione (PHTN) si basa sul riscontro di valori di PAS e/o PAD ≥90°<95° percentile per età, sesso ed altezza
  3. La diagnosi di ipertensione (HTN) si basa sul riscontro di valori di PAS e/o PAD ≥95° percentile per età, sesso ed altezza.

La misurazione della PA deve essere effettuata con criteri standardizzati: apparecchio aneroide, posizione seduta, riposo per almeno 5 minuti, adeguato bracciale (assolutamente necessario per i bambini o adolescenti obesi), rivalutazione della PA a distanza di 5 minuti l’uno dall’altro.
La diagnosi di ipertensione richiede inoltre che il riscontro di valori pressori “elevati” sia riconfermato in due successive visite (entro 30 giorni) per escludere la possibilità di “white-coat hypertension”. 


QUAL È LA PREVALENZA DI IPERTENSIONE ARTERIOSA NELLA POPOLAZIONE PEDIATRICA AFFETTA DA OBESITÀ?

La prevalenza di elevati livelli di pressione arteriosa varia considerevolmente a seconda del grado di sovrappeso o obesità. In media la prevalenza di pre-ipertensione è del 1% nei bambini normopeso, sale al 4-7% nei sovrappeso e al 11-13% negli obesi; la prevalenza di ipertensione è del 1-2% nei normopeso, 5-6% nei sovrappeso e 20-22% negli obesi (3, 4). Tuttavia, è da notare che tali percentuali, osservate al primo controllo, scendono considerevolmente ai controlli successivi (5). Per converso, è altrettanto interessante il fatto che nella pratica clinica lo screening degli elevati livelli pressori viene effettuato raramente, tant’è che è stato dimostrato che la diagnosi di elevati livelli pressori è sottostimata (5-7). Ciò è dovuto alla complessità intrinseca al processo diagnostico per cui sono allo studio metodi semplificati per agevolare lo screening dei soggetti a rischio di elevati livelli pressori (8).


QUALI SONO LE RACCOMANDAZIONI SUL TRATTAMENTO E SUL FOLLOW-UP DELL’IPERTENSIONE ARTERIOSA?

I bambini con pre-ipertensione devono essere ricontrollati dopo 6 mesi. In ogni caso è necessario intraprendere misure indirizzate al cambiamento dello stile di vita (dieta moderatamente ipocalorica, a basso contenuto di sale, attività fisica aerobica).
I bambini con ipertensione devono essere ricontrollati dopo 1-2 settimane. La terapia farmacologica deve essere intrapresa solo dopo il fallimento della terapia dietetica. Al contrario, deve essere intrapresa quanto prima nei bambini con una o più delle seguenti condizioni: 

  1. presenza di sintomi  
  2. diabete mellito 
  3. ipertensione secondaria
  4. danno d’organo (micro o macroalbuminuria, o ridotto filtrato glomerulare o ipertrofia ventricolare sinistra)
  5. ipertensione resistente alla terapia dietetica e comportamentale.


Bibliografia
1.    National High Blood Pressure Education Program Working Group on High Blood Pressure in Children and Adolescents. The fourth report on the diagnosis, evaluation, and treatment of high blood pressure in children and adolescents. Pediatrics. 2004; 114:555-576. 
2.    Lurbe E, Cifkova R, Cruickshank JK, et al. European Society of Hypertension. Management of high blood pressure in children and adolescents: recommendations of the European Society of Hypertension. J Hypertens. 2009;27:1719-42
3.    Genovesi S, Antolini L, Giussani M, Brambilla P, Barbieri V, Galbiati S, Mastriani S, Sala V, Valsecchi MG, Stella A. Hypertension, prehypertension, and transient elevated blood pressure in children: association with weight excess and waist circumference. Am J Hypertens. 2010;23:756-61
4.    Maffeis C, Banzato C, Brambilla P, Cerutti F, Corciulo N, Cuccarolo G, Di Pietro M, Franzese A, Gennari M, Balsamo A, Grugni G, Iughetti L, Del Giudice EM, Petri A, Trada M, Yiannakou P; Obesity Study Group of the Italian Society of Pediatric Endocrinology and Diabetology. Insulin resistance is a risk factor for high blood pressure regardless of body size and fat distribution in obese children. Nutr Metab Cardiovasc Dis. 2010;20(4):266-73.