Comunicato SIEDP: Infezione da COVID-19 e Diabete nel Bambino e nell'Adolescente

Infezione da COVID-19 e Diabete nel Bambino e nell’Adolescente:
Informazioni Generali per il Paziente e i Famigliari

 

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato l’infezione da COVID-19 (il Coronavirus) una emergenza per la salute pubblica.  

I segni clinici più comuni sono di tipo influenzale, con raffreddore, tosse, febbre, dolore muscolare ed astenia. In rari casi può presentarsi una severa insufficienza respiratoria. 

Il COVID-19 può infettare persone di tutte le età, ma generalmente sembra risparmiare i bambini. In Italia ad oggi sono pochi i bambini positivi, e di questi nessuno è in gravi condizioni.  

Non è chiaro perché ciò avvenga. Probabilmente dipende dal fatto che esistono molti coronavirus responsabili dei comuni raffreddori dell’infanzia e quindi nella maggior parte dei bambini è già presente una difesa immunitaria verso questa categoria di virus.  

Sebbene i dati in nostro possesso non siano consolidati e derivino da una esperienza ancora troppo breve per trarre delle conclusioni, i bambini e gli adolescenti con diabete in particolare non sembrano presentare una maggiore predisposizione alla infezione da COVID-19. I fattori di rischio che vengono in questi giorni richiamati per le persone con diabete, come la coesistenza di malattie cardiovascolari, malattie renali e respiratorie, scompenso glicemico e durata di malattia molto lunga, interessano prevalentemente le popolazioni adulte e gli anziani con diabete e risparmiano fortunatamente i bambini e gli adolescenti; valgono, pertanto, per loro, le raccomandazioni che vengono in questi giorni diffuse per la popolazione generale al fine di prevenire il contagio e la diffusione della infezione:  

  1. lavare spesso le mani  
  2. non toccarsi naso ed occhi e non mettere le mani in bocca  
  3. evitare il gioco in ambienti chiusi ed affollati 
  4. evitare contatti ravvicinati (mantenere almeno 1 metro di distanza) e le strette di mano 
  5. starnutire e tossire coprendo naso e bocca con un fazzoletto usa e getta o nell’incavo del gomito 
  6. in caso di sintomi respiratori influenzali non condurre il bambino al Pronto Soccorso, stare a casa ed informare il pediatra di famiglia  

Si ricorda di prestare molta attenzione ai decreti che vengono emanati con regolarità dagli organi istituzionali e che devono essere rispettati con grande serietà. 

In caso di infezione da COVID-19 i bambini e gli adolescenti con diabete debbono comunque osservare le comuni regole di gestione della malattia in corso di altre malattie intercorrenti: è necessario evitare la possibile disidratazione in corso di malattie febbrili bevendo spesso durante la giornata, monitorare la glicemia con maggiore attenzione, misurare regolarmente i chetoni per valutare l’adeguatezza della terapia insulinica e contattare il team diabetologico curante.  

In Italia è comunque attivo il numero di pubblica utilità 1500 del Ministero della Salute. 

Claudio Maffeis                                                                                            Riccardo Schiaffini
Presidente SIEDP                                                                            Coordinatore GdS Diabetologia