Accedi

Numero 4/2015

A cura di
Alessandro Mussa (Torino) e Chiara Sartori (Parma)

 

- Andersen SL, Olsen J, Laurberg P. Foetal programming by maternal thyroid disease. Clin Endocrinol. 2015 Feb 12. doi: 10.1111/cen.12744. [Epub ahead of print]

L'articolo revisiona ed esplora in maniera molto piacevole il vecchio concetto di programmazione fetale in chiave moderna, alla luce delle nuove evidenze scientifiche e dei più recenti meccanismi biologici mettendo in evidenza come gli ormoni tiroidei possano essere regolatori cruciali del sistema nervoso fetale e sottolineando come una disfunzione tiroidea materna in gravidanza possa predisporre il feto al successivo sviluppo di malattie attraverso cambiamenti strutturali e funzionali nelle fasi precoci dello sviluppo cerebrale. 

- Francis G, Waguespack SG, Bauer AJ, et al. Management Guidelines for Children with Thyroid Nodules and Differentiated Thyroid Cancer. The American Thyroid Association Guidelines Task Force on Pediatric Thyroid Cancer. Thyroid. 2015 Apr 21. [Epub ahead of print]

L'articolo rappresenta un passo importante per l'endocrinologia pediatrica in quanto raccoglie direttamente dagli esperti della Task Force on Pediatric Thyroid Nodules della American Tyroid Association le linee guida su diagnosi e terapia del nodulo tiroideo pediatrico. Le precedenti raccomandazioni erano basate su dati relativi alla popolazione degli adulti e consentivano solo di estendere anche all'età pediatrica la gestione dei pazienti con nodulo. In questa vesione vengono attentamente prese in considerazione le numerose peculiarità del nodulo tiroideo nei bambini e le differenze con il corrispettivo dell'età adulta, proponendo percorsi assistenziali e terapeutici specifici per l'età pediatrica. L'articolo è scaricabile gratuitamente da Thyroid

- Noonan JA, Kappelgaard AM. The efficacy and safety of growth hormone therapy in children with noonan syndrome: a review of the evidence. Horm Res Paediatr. 2015;83(3):157-66.

Questa review raccoglie i dati di 15 studi in cui l’ormone della crescita  è stato utilizzato in pazienti  con sindrome di Noonan.  La review esplora l’effetto dell’ormone sull’altezza e sul pattern di crescita, andando ad analizzare l’incremento della velocità di crescita a breve termine, l’effetto sull’altezza finale e le  variazioni di risposta all’ormone in base alla durata e momento di inizio della terapia. La review esplora inoltre l’effetto dell’ormone sull’osso, sul  metabolismo e composizione corporea, sul timing della pubertà e la sicurezza nell’utilizzo dell’ormone nella sindrome. Gli autori concludono che l’uso del GH  è efficace nell’aumentare la velocità di crescita e che l’effetto sull’altezza in età adulta sembra essere positivo anche se sono necessari ulteriori studi per provarlo. L’uso dell’ormone accelera l’avanzamento dell’età ossea ed ha effetti favorevoli sulla densità ossea e sulla composizione corporea. Ci sono inoltre buone evidenze che la terapia debba essere iniziata presto, preferibilmente prima della pubertà. I dati di sicurezza finora registrati nella NS sono  rassicuranti.

- Lazar L, Lebenthal Y, Yackobovitch-Gavan M, et al. Treated and Untreated Women With Idiopathic Precocious Puberty: BMI Evolution, Metabolic Outcome, and General Health Between Third and Fifth Decades. J Clin Endocrinol Metab. 2015 Apr;100(4):1445-51.

In questo studio caso-controllo si analizzano i dati di  142 donne di età compresa tra i 27 ed i 50 anni con pregressa pubertà precoce idiopatica, trattate con analogo del GnRH e quelli di 42 pazienti con patologia analoga non sottoposte a terapia e li si confrontano con un gruppo di controllo composto da 413 donne di età paragonabile. L’obiettivo dello studio è quello di rilevare eventuali differenze in prevalenza di obesità, alterazioni metaboliche ed insorgenza di neoplasie in età adulta. Gli autori concludono osservando che la CPP (trattata o non trattata) non è associata ad aumentato rischio di obesità, alterazioni metaboliche o patologie neoplastiche in età adulta.