Accedi

Statuto Bioetica

Statuto del Comitato per la Bioetica (CB) della Società Italiana di Pediatria (SIP) 
(Acquisito e approvato dal Consiglio Direttivo della SIP in data 15 Aprile 2014) 

Premessa 
Il rapido evolversi delle conoscenze biomediche e delle loro possibilità applicative, innestandosi sulle modificazioni dei costumi e dei comportamenti, orientati ad un sempre più marcato pluralismo, è alla base della bioetica e ne determina i contenuti e l’urgenza. La Società Italiana di Pediatria (SIP), da sempre fortemente impegnata nel difendere i diritti dei soggetti in età evolutiva, nella divulgazione del sapere scientifico, nel promuovere la ricerca e nel creare occasioni di didattica e di formazione, non poteva sottrarsi alla responsabilità di partecipare a questa riflessione. Per rispondere a questa esigenza, il Consiglio Direttivo della SIP ha approvato in data 14 Dicembre 2009 la costituzione del Comitato per la Bioetica (Comitato), quale organismo deputato all’approfondimento e alla sistematizzazione delle problematiche di natura bioetica relative alla pediatria e, più in generale, ai diritti del neonato, del bambino e dell’adolescente e delle loro famiglie. 

Articolo 1. Compiti 
Il primo compito del Comitato è quello di diffondere e implementare la cultura bioetica pediatrica: tra i Soci della SIP e delle Società Affiliate; tra gli organismi decisionali, politici e amministrativi; nella società e nell’opinione pubblica in generale. 
Il secondo compito è quello di rispondere a problemi di natura bioetica posti dal Direttivo della SIP o delle Società affiliate, oppure da singoli Soci delle suddette Società, o da altri organismi, associazioni o enti coinvolti nell’assistenza ai soggetti in età evolutiva. 
Il terzo compito è quello di occuparsi di problematiche bioetiche che possono sorgere nella operatività della SIP. 
Per assolvere tali compiti il Comitato può produrre elaborati o documenti riguardanti specifiche problematiche bioetiche, formulare pareri o indicazioni inerenti alla pratica clinica, alla ricerca, alla didattica e all’attività societaria, attivare occasioni di sensibilizzazione e formazione nel campo della bioetica pediatrica, fungere da interfaccia e mediazione culturale con altri comitati internazionali, nazionali, regionali o aziendali per la pediatria. 
Il Comitato non si occupa di specifici progetti di ricerca clinica, ma può esprimersi sui problemi etici sollevati dalla ricerca in età evolutiva. 

Articolo 2. Composizione 
I membri del Comitato, in un numero compreso fra 5 e 8 (incluso il Presidente), vengono nominati dal Direttivo della SIP all’interno di una rosa di candidati proposta da un gruppo di lavoro designato dallo stesso Direttivo. Il Direttivo della SIP nomina anche il Presidente, con funzioni di coordinatore. Il Comitato resta in carica 3 anni ed è rinnovabile per un successivo mandato consecutivo. 
La sostituzione di eventuali componenti dimissionari viene decisa dal Direttivo della SIP, sentito il Presidente del Comitato. 
La composizione del Comitato deve essere multidisciplinare e deve quindi includere professionalità diverse, che operino sia nell’ambito clinico-scientifico che in quello umanistico. 
I componenti del Comitato devono avere un comprovato interesse per la bioetica, e condividere pienamente gli intenti e gli obiettivi di cui all’Articolo 1 del presente statuto. 
Essi prestano la loro opera a titolo gratuito. 

Articolo 3. Organizzazione e funzionamento 
Il Comitato per la Bioetica si riunisce almeno tre volte l’anno. In condizioni particolari possono essere previste anche convocazioni d’urgenza, su richiesta del Direttivo della SIP o di almeno due terzi dei membri del Comitato. 
Nella prima riunione plenaria il Comitato elegge un Segretario, con funzioni anche di Tesoriere, che rimane in carica per un triennio. 
I documenti del Comitato devono avere l’approvazione di almeno i due terzi dei componenti e possono essere accompagnati da una relazione di minoranza. 
Il Comitato può nominare nel proprio ambito dei gruppi di lavoro per affrontare problemi particolari e potrà avvalersi anche del contributo di esperti o collaboratori esterni. 
Il Comitato si doterà di un Regolamento, che precisi in modo più dettagliato il proprio funzionamento e i compiti e le responsabilità dei singoli membri. 

Articolo 4. Rapporti con la SIP 
Nei rapporti con la SIP e con le Società Affiliate il Comitato svolge un ruolo consultivo in modo indipendente e autonomo. 
Ogni documento prodotto dal Comitato dovrà essere trasmesso al Direttivo della SIP per la necessaria approvazione prima della sua divulgazione. 
In sinergia con il direttivo della SIP potranno essere inoltre organizzate attività finalizzate alla diffusione della cultura bioetica. 
Per l’adeguato funzionamento del Comitato si prevede, da parte della SIP, l’allocazione di un budget finanziario specifico, il cui scopo principale è di facilitare l’organizzazione e la partecipazione alle riunioni e di garantire al Comitato un supporto segretariale. 
Il Segretario, sentito il Presidente, sottoporrà annualmente entro il 28 febbraio un bilancio preventivo per l’anno in corso e un bilancio consuntivo dell’anno precedente al Direttivo della SIP per l’approvazione.